fbpx

Anche il vino è arancione

Anche il vino è Arancione. Le regioni italiane a causa dell’emergenza dovuta al Covid-19 continuano a cambiare colore, dal rosso al giallo passando per l’arancione. Ed è curioso il fatto che per ognuno di questi colori esiste una tipologia di vino. Ebbene sì, è proprio così, esistono i vini rossi, i vini di colore “giallo” meglio conosciuti come vini bianchi e addirittura i vini arancioni. Immaginate di ritrovarvi in un futuro distopico e dover bere obbligatoriamente il vino che abbia lo stesso colore della vostra regione. Sperando che ciò non accada mai, ma preparandoci a questa bizzarra possibilità, oggi parliamo dei “vini arancioni”, gli orange wine.

GLI ORANGE WINES

Questa tipologia di vini si ottiene a partire da uve a bacca bianca, il cui processo di produzione è simile a quello dei vini rossi. Infatti, durante la fermentazione le bucce dell’uva si troveranno a contatto con il mosto come accade anche per i rossi. In questo modo saranno ceduti al vino più tannini e più sostanze coloranti conferendo maggiore struttura e anche colori e sapori differenti dal solito vino bianco al quale siamo abituati.
Inoltre, sembra che questa tradizione sia molto antica e provenga dalla Georgia, luogo di nascita di tutta la viticoltura mondiale e che questa tecnica sia per lo più utilizzata dai produttori la cui filosofia è quella di maneggiare il meno possibile l’uva, quindi produttori spesso biodinamici o biologici.

ANCHE IL VINO A’ ARANCIONE

Sicuramente gli scettici si distaccheranno da questa “nuova” moda, ma per chi volesse osare e provare un orange wine allora vi consigliamo qualche semplice abbinamento.
Questi vini sono caratterizzati da note odorose leggermente erbacee, mielate e talvolta da sfumature di frutta bianca; avendo anche una maggiore struttura e una buona sapidità un buon piatto a base di carne bianca potrebbe essere l’abbinamento giusto per trascorrere una serata in compagnia di un nuovo vino da scoprire.

Tutte le news sul vino 

 

foto presa dal glossary wein plus

Roberto Salvatore Di Fede

Roberto Salvatore Di Fede

Roberto Salvatore Di Fede è un giovane enologo laureatosi in Viticoltura ed Enologia presso il dipartimento di agraria della Federico II. La sua formazione va oltre i confini italiani, ha frequentato anche rinomate scuole enologiche come quella di Bordeaux (Francia), La Rioja e Cádiz (Spagna). Durante l’ultima vendemmia del 2019 ha collaborato con Chateau de Beauregard, una interessanta realtà tra le colline della Borgogna. Ad oggi, per lui, il vino è una passione che si trasforma in lavoro!

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x