fbpx

WINE COCKTAILS, drink al vino

WINE COCKTAILS

I bar finalmente in funzione a pieno ritmo, le giornate si allungano, la voglia di uscire aumenta e con essa anche la possibilità di trascorrere del tempo con amici e colleghi magari sorseggiando qualche buon cocktail.
Quante volte però ci sediamo al tavolo di un bar e non sappiamo cosa ordinare? Per schiarirvi un po’ le idee, ecco qualche proposta per i vostri drink tutti caratterizzati da un ingrediente speciale: il vino.
APEROL SPRITZ: ormai sono anni che l’ora dell’aperitivo è caratterizzata dalla presenza del drink più famoso d’Italia: 3 parti di prosecco, 2 di Aperol, 1 di soda e guarnizione con una fetta di arancia. Il prosecco con le sue bollicine permette una buona combo con la dolcezza dell’Aperol.

MARTINI SPRITZ

Se volete una alternativa al classico spritz, allora sappiate che le varianti sono moltissime. Nel caso specifico del Martini Spritz, si può intuire che gli ingredienti principali saranno Martini, Prosecco, soda water e guarnizioni di lime e menta per conferire un tocco di freschezza. Un’interessante alternativa per chi vuole provare qualcosa di diverso.

TINTO DE VERANO

In terra iberica uno dei drink più bevuti nel periodo estivo è il “tinto de verano”. Una bibita fresca, adatta all’estate. Gli ingredienti sono semplicissimi: vino rosso, gassosa e una spruzzata di limone. La bevanda perfetta per godersi un tramonto accompagnato da qualche tapas.

RED SPLASH

Per coloro che tendono a fare delle scelte più azzardate, abbiamo il drink che fa per voi: il Red Splash. Un tuffo tra i sapori messicani, infatti gli ingredienti di questo drink sono Tequila Silver, vino rosso, succo di agave, lime e infine guarnizione con una scorza di limone.
Queste sono solo alcune proposte per i vostri drink a base di vino ma sappiate che ce ne sono molte altre, ognuna di essa adatta ad ogni momento, luogo e persona.

Roberto Salvatore Di Fede

Roberto Salvatore Di Fede è un giovane enologo laureatosi in Viticoltura ed Enologia presso il dipartimento di agraria della Federico II. La sua formazione va oltre i confini italiani, ha frequentato anche rinomate scuole enologiche come quella di Bordeaux (Francia), La Rioja e Cádiz (Spagna). Durante l’ultima vendemmia del 2019 ha collaborato con Chateau de Beauregard, una interessanta realtà tra le colline della Borgogna. Ad oggi, per lui, il vino è una passione che si trasforma in lavoro!

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x