fbpx

Nocillo, le antiche ricette

Nocillo, le antiche ricette

Giambattista Crisci, tra i massimi cuochi del ‘600 consiglia sin da allora di realizzare con le noci un succoso sciroppo. Nocillo o Nocino, è il nome di questo succo gustoso.

Tra le sue proposte quella di sciroppare le noci. Tante spezie per questo frutto. Il nero zuccheroso dei frutti verdi, appena raccolti, attrae gli occhi e il palato. Crisci non ci vuole dare la ricetta. Ma dei chiodi di garofano, cannella e qualcosa altro si sente il retrogusto. I frutti immaturi potrebbero essere cotti in uno sciroppo di zucchero, limone e spezie per essere poi conservati. Il tempo li annerirà. Nero. È il colore delle streghe, è il colore della notte che accompagna il sonno degli uomini.

Nocillo, le antiche ricette

 

Alcuni secoli dopo una grande signora della cucina Jeanne Carole Francesconi nel suo meraviglioso libro  ‘La cucina napoletana’ ci insegna come fare il Nocillo.

In ogni casa però chi ama gustare questo liquore conserva gelosamente una ricetta di famiglia. Gli alberi di noce sono parte del paesaggio italiano. In Campania, diverse località li ospitano ed è bello perdersi tra i sentieri e boschi di alberi di noce.

Ricetta

Il Nocillo

Tagliate le noci a pezzetti senza sgusciarle, mettetele in un
vaso di vetro da un litro ben pulito e asciutto: aggiungetevi l’alcol, chiudete ermeticamente ed esponete al sole per 40
giorni; Passato il tempo, fate bollire per 10 minuti lo zucchero
e l’acqua. Lasciate raffreddare. Sgocciolate le noci, aggiungete lo sciroppo e tutti gli altri ingredienti all’alcol, tappate il
vaso ed esponetelo al sole per altri 15 giorni. Al termine della
seconda esposizione al sole filtrate il Nocillo. Lasciate riposare almeno un mese prima di servirvene.
Volendo potrete utilizzare le noci sgocciolate tenendole
per 15 giorni in infusione in un buon vino bianco dolce che si
filtrerà poi come tutti i rosoli. Si otterrà un ottimo vermouth.
Ingredienti: 5 noci acerbe; 320 g di alcol puro; 130 g di
zucchero; 1 g di cannella in polvere; 6 g di noce moscata; 5
g di corteccia di china; 5 chiodi di garofano; 320 g di acqua.

Elisabetta Donadono

Elisabetta Donadono, napoletana, giornalista, comunicatrice e sommelier dell’olio extravergine d’oliva ha ideato prima napolipost.com e poi il grandfood.it. Due esperienze editoriali che propongono una lettura nuova, positiva, emozionale e coraggiosa delle eccellenze d’Italia. Dall’arte al cibo, dal cibo all’arte, i percorsi giornalistici indagano l’arte ed il cibo, raccontandoli in modalità nuova, in chiave originale, in versione fantasiosa. Articoli che hanno anticipato ed anticipano la conoscenza di luoghi, prodotti, persone, oggetti utilizzando di volta in volta tutti i sensi. Il grandfood.it nasce dopo i libri Il Grand Food Campania ed Il Grand Food Lazio, due libri per circa 100 racconti di cibi ‘gustati’ attraverso i monumenti e l’arte osservata cucinando buon cibo. Il Grand Food, in versione web e sociale è una nuova sfida tutta da fare con e per i lettori!

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x